Oregon: ritorna la peste

Oregon – La peste potrebbe non essere, come pensavamo, solo l’ incubo di un passato lontano. Il terribile morbo che ha devastato nazioni intere è tornato. Lo dice il “Guardian” testimoniando il caso di un uomo che sembrerebbe aver contratto la peste bubbonica.

Il contagio – La vittima è stata morsa mentre cercava di togliere “un topo putrefatto dalla bocca di un gatto selvatico”. Fortunatamente la peste al giorno d’oggi è una malattia curabile con gli antibiotici, mentre il vaccino non è più in circolazione. Rimane il fatto però che si tratta di una malattia pericolosissima e spesso letale.

Trasmissione – Non si è ancora in grado di stabilire se il batterio della peste, lo yersina pestis, sia stato trasmesso attraverso il contatto con il gatto o con il topo. Tra i diversi tipi di peste  (la bubbonica, che fa gonfiare i linfonodi in tutto il corpo, la setticemica, che coinvolge il sistema circolatorio e la pneumonica che colpisce i polmoni), l’uomo sembrerebbe aver contratto la peste bubbonica
Peste – “L’uomo – afferma Karen Yeargain del dipartimento della Salute della contea – mostra segni della variante bubbonica e di quella setticemica ed è in condizioni critiche”. Il caso non dovrebbe sorprendere perchè, anche se se ne parla poco, ogni anno vengono contratti nel mondo circa 1000 casi di peste.

Michela Santini