Gasparri non vuole pagare le multe: Non ho tempo per certe cose

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:25

Quanti avranno ricevuto multe da parte dei vigili anche per semplici dimenticanze rinnovare il pass per la zona a traffico limitato, tra questi ci sono Gasparri e famiglia che, sempre come in molti, hanno fatto ricorso e chiesto l’archiviazione dei verbali facendo valere il loro diritto di residenti autorizzati. Niente di male sino qui ma Maurizio Gasparri ha scelto di far valere il suo diritto non presentandosi come una persona comune ma la lettera indirizzata ai vigili inizia: “Io sottoscritto Sen. Maurizio Gasparri, Presidente del Gruppo Parlamentare ‘Il Popolo della Libertà’ presso il Senato della Repubblica…”.

Nessuno può contestare la dimenticanza ma il dubbio che con quell’intestazione Gasparri cercasse in qualche modo un “favore” è innegabile. Intanto il presidente al Senato per il Pdl cerca di difendersi: Non c’entra niente il fatto di essere parlamentare, non ho il permesso in qualità di parlamentare, ho il permesso come residente. Non è che non ne avevo il diritto, è che non l’avevo rinnovato”. “Quello che mi chiederanno di pagare pagherò, quella lettera non è tesa a procacciarsi un ingiusto vantaggio: se uno voleva fare una cosa non regolare non è che si metteva a fare una lettera, giusto no?… Io sono quello che sono, mica mi devo vergognare di quello che sono né devo chiedere un privilegio per la mia posizione… la procedura è assolutamente corretta, la risposta potrà essere negativa, ci atterremo a quello che sarà”.

Irene Fini

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!