L’uccisione della piccola Azaria: la verità dopo 32 anni

Australia – Finalmente dopo 32 anni la verità sulla sorte della piccola Azaria, scomparsa 32 anni fa nel deserto dell’Australia. Il tribunale ha chiuso il fascicolo giudiziario decretando che ad uccidere la bambina non sono stati i genitori, ma un dingo.

Prove – Dopo aver riesaminato le prove il medico legale Elizabeth Morris ha annunciato alla corte: «Azaria è deceduta a Uluru il 17 agosto 1980 in seguito all’attacco di un dingo. Gli elementi che lo confermano sono chiari, convincenti ed escludono qualsiasi altra ipotesi».

Il caso infinito –  Termina così il tormentato caso giudiziario che ha sollevato attenzioni in tutto il mondo. I Chamberlain, dopo aver vissuto la terribile scomparsa della figlioletta di pochi mesi, sono stati ripetutamente accusati di omicidio. La madre Lindy che aveva ipotizzato fin dall’inzio che la piccola fosse stata rapita da un dingo, è andata in prigione ed è stata poi prosciolta quando fu ritrovata casualmente la tutina della bambina nella tana dell’animale. La causa di morte non è stata quindi definita “non determinata” fino ad oggi, a 32 anni dalla scomparsa di Azaria.

Michela Santini