65enne uccisa dall’ex compagno

L’aveva lasciato – La 65enne di Merano, in provincia di Bolzano, aveva lasciato l’ex compagno, un tunisino di 32 anni, ma lui si era rifiutato di accettare la decisione della donna. Secondo la ricostruzione fatta dagli inquirenti l’uomo avrebbe seguito la ex compagna, una parrucchiera madre di due figli avuti da una precedente relazione, dopo l’uscita da una piscina, l’avrebbe attesa sotto casa e poi l’avrebbe costretta a lasciarlo entrare nella sua abitazione.

Era ubriaco – L’uomo era completamente ubriaco e poco dopo essere entrato nell’appartamento che aveva condiviso con la 65enne per ben due anni, avrebbe iniziato con lei un violento litigio, degenerato in percosse e schiaffi, al culmine del quale il tunisino avrebbe estratto un coltello con la lama lunga 15 centimetri e colpito la ex per ben quattro volte: due dei colpi sferrati avrebbero centrato il cuore della donna.

L’arrivo dei carabinieri – I vicini di casa, a seguito delle urla che uscivano dall’appartamento, avevano chiamato i carabinieri che hanno trovato l’uomo all’interno dell’appartamento con le mani ancora sporche di sangue. Nonostante la corsa contro il tempo dell’ambulanza per trasportare la donna agonizzante in ospedale, poco dopo il ricovero la vittima è deceduta per le ferite riportare e per la grande perdita di sangue che ne era conseguita.

Marta Lock