Germania: Nudi per la spesa (VIDEO)


Nudi per la spesa.
Un supermercato di Süderlügum, località tedesca vicina alla frontiera con la Danimarca, ha ideato una campagna promozionale decisamente insolita: i clienti, per ricevere un buono sconto di 2.000 corone danesi (250 euro circa), si sono dovuti precipitare al grande magazzino, praticamente, nudi. A ricevere l’agognato premio, i primi cento clienti che si sono presentati alle casse “come mamma li ha fatti”. Per questo motivo, la fila degli acquirenti “senza veli” è andata ingrossandosi sin dalle prime ore della mattina, un’attesa lunga, se si considera che il market “nudista ” ha aperto le sue porte solo intorno alle 10.

Tutto nella norma. Un funzionario della polizia di Leck ha riferito che c’è stata ampia partecipazione all’iniziativa e che “tutto si è svolto nella calma, senza problemi cagionati da risse o da motivi sessuali”; i clienti hanno girato per gli scaffali del negozio, acquistando i prodotti di loro interesse, come fanno quotidianamente. C’era da aspettarselo in una Nazione come la Germania dove il nudismo non è un tabù; un esempio viene dall’isola di Sylt, nel nord del Paese, che rappresenta la prima spiaggia ufficiale per naturisti, fondata nel lontano 1920.

Nudismo. Nel nord d’Europa però, non solo si trovano molte spiagge frequentate da nudisti, ma esistono anche campeggi per famiglie naturiste e, inoltre, aree destinate a loro in zone urbane e sub-urbane. Basti pensare al quartiere Volksdorf di Amburgo, dove si trova un lago normalmente frequentato da nudisti o, ancora, al lago Wannsee, nella parte ovest di Berlino.  Sempre nella Capitale, c’è il cosiddetto “Lido di Berlino” che offre un’ampia area per chi ama lo “stile adamitico”. Cose “dell’altro mondo” per noi italiani dai “casti” costumi.

Giovanna Fraccalvieri