Il Papa in Emilia il 26 giugno per ridare speranza dopo il terremoto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:12

Papa, Emilia Romagna – Il 20 maggio scorso alle 4 del mattino la terra ha tremato in Emilia. Un sisma dalle proporzioni importanti ha costretto migliaia di persone ad abbandonare le proprie abitazioni sul far del giorno e a radunarsi nelle tendopoli con il loro carico di paura, terrore e rabbia. Oggi ricorre il primo mese da quella triste data e le scosse non si sono ancora placate. Assestamento, dicono gli esperti, ma la popolazione rivive ad ogni scossa l’incubo di quella notte e dei giorni successivi in cui ha visto cambiare la propria vita. Finale Emilia, San Felice sul Panaro, Mirandola, Cavezzo, i centri piu’ colpiti: circa 14700 le persone sfollate.

La visita del Papa – Il Papa ha pianificato una visita per il prossimo 26 giugno nelle zone terremotate, in particolare nella zona rossa di Rovereto di Novi. Il Santo Padre partirà alle ore 9 dall’eliporto del Vaticano per arrivare circa un’ora e un quarto dopo al campo sportivo di San Marino di Carpi. Da lì poi si trasferirà grazie ad un autobus della protezione civile presso Rovereto di Novi, dove si tratterrà fino alle ore 12. A mezzogiorno il Papa riprenderà il proprio elicottero per ritornare in Vaticano alle ore 13.15 circa. Un modo per ridare speranza alla popolazione, così duramente provata da questa terribile esperienza.

R. A.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!