Kosovo, morto militare italiano: incidente o suicidio?

Kosovo, morto militare italiano – Un militare del contingente italiano in Kosovo è morto oggi a causa di un colpo partito dalla sua arma in dotazione. Si tratta del 26enne Michele Padula, originario di Montemesola, piccolo centro in provincia di Taranto. A trovare il corpo senza vita del militare sono stati alcuni commilitoni. Indagini sono in corso da parte delle autorità militari italiane e del Kfor, il contingente di cui faceva parte, per stabilire l’esatta dinamica dell’episodio, avvenuto nella tarda mattinata di oggi all’interno del campo dove il contingente ha base in una cittadina kosovara.

Incidente o suicidio? – Non si esclude l’ipotesi del suicidio, in quanto il militare sarebbe stato trovato morto nella sua stanza a Novo Selo, fra i villaggi di Zupc e Caber. Secondo le prime indiscrezioni, all’interno del campo è stato sentito un colpo di arma da fuoco e successivamente il soldato è stato trovato morto con accanto il suo fucile. Non viene, però, scartata neppure l’ipotesi del colpo partito accidentalmente durante le operazioni di pulizia dell’arma.