Monti: Nessun salvataggio per l’Italia. Al via piano anti-spread?

Il bilancio tracciato dal premier Mario Monti, a conclusione del G20 che si è svolto in Messico, sembra essere sostanzialmente positivo. Nella conferenza stampa convocata nella serata di ieri, il Professore ha ricapitolato gli argomenti affrontati sul tavolo internazionale, ponendo inevitabilmente l’accento sulla crisi e sulla crescita, che – ha ricordato – deve accompagnarsi al pareggio di bilancio.

Italia già salva – Nella giornata di ieri alcuni giornali britannici erano tornati a ipotizzare il ricorso a un Fondo salva-Stati per aiutare i paesi europei più in affanno. Un rumor captato dal presidente del Consiglio, Mario Monti, che nel corso della conferenza stampa convocata a conclusione dei lavori del G20, ha voluto sbugiardare ogni cosa. “Nessun bailout – ha scandito ricorrendo al tecnicismo americano – nessun salvataggio: questo tema non si pone proprio. Non si pone per l’Italia – ha precisato il Professore – e per la Spagna potrebbe porsi limitatamente agli istituti bancari”. 

Spread meno abnormi – Il premier ha, piuttosto, voluto focalizzare l’attenzione sulle soluzioni ipotizzate nel corso del G20, aprendo a un piano teso a ridimensionare la forbice dello spread. “Si tratta di stabilizzare la zona euro – ha spiegato Monti – facendo sì che i paesi in regola con le norme di finanza pubblica, come l’Italia, possano veder riconosciuta questa virtù in termini di spread meno abnormi. Un’ipotesi su cui il presidente del Consiglio tornerà a ragionare venerdì prossimo a Roma, nel corso del vertice con Angela Merkel, Francois Hollande e Mariano Rajoy.

Apprezzati in tutto il mondo – Non solo: “La crescita deve avvenire senza pregiudicare gli equilibri di bilancioha ricordato il premier – Questo vale per l’Europa, ma pure per gli Usa, il Giappone e le altre parti del mondo”. E sul finale, il Professore si è concesso una breve parentesi auto-celebrativa: “Nelle conversazioni informali e anche al tavolo ufficiale – ha detto ai giornalisti – l’Italia è stata menzionata  varie volte, ma in segno di apprezzamento per le politiche in corso. Qualcuno ha voluto ricordare la situazione in cui versava il paese nel precedente summit del G20, quello di Cannes”.

Maria Saporito