Tg2 Storie, puntata del 23 giugno: Socialmente pericolosi, i ragazzi dei quartieri spagnoli di Napoli

Tg2 Storie, Socialmente pericolosi, Napoli – Questa sera alle ore 24.15 su Rai2 andrà in onda una nuova puntata di Tg2 Storie – I racconti della settimana del Tg2 che proporrà Socialmente pericolosi. I ragazzi dei quartieri spagnoli di Napoli hanno chiamato così l’associazione  che ha dato avvio a una scuola e a un centro di produzione per la tv e il cinema e con la quale hanno debuttato nel mondo della musica con una canzone simbolo, scritta per loro da Nino Forte,  dal titolo ‘Ce la farò’. Il Nuovo Cinema Aquila, attivo da quattro anni nel quartiere Pigneto a Roma,  è l‘unico caso di sala cinematografica sequestrata alla criminalità organizzata. Oggi vanta un programma eclettico e un bilancio in attivo. Tutto merito della cooperativa che la gestisce con intelligenza e passione. Ermanno Olmi, a luglio compirà 81 anni, di cui più di sessanta dedicati al cinema. Autore di  lungometraggi e film rivolti per lo più alla vita quotidiana e al mondo intimo delle persone semplici e al loro rapporto con la natura, ha conquistato numerosi riconoscimenti. Pazzi per la radio, ma non confondeteli coi radioamatori: sono gli esploratori dell’universo in onde corte e medie. A voci e musica chiare e forti che escono da fm, digitale e internet preferiscono i suoni quasi incomprensibili che arrivano dall’altra parte del mondo. Da Savona la passione di Fiorenzo, uno degli irriducibili del moderno radio ascolto. Fratelli in pugno. Nell’olimpo della boxe mondiale ci sono due fratelli ucraini: Vitali e Wladimir Kitschko. Entrambi campioni di pugilato nella categoria pesi massimi detengono le quattro cinture più prestigiose del mondo. Eleganti, poliglotti e impegnati nel sociale, ora anche protagonisti di un film prodotto dalla Universal Pictures. La cultura della pace.  Angelica Calò è romana, ma vive in Israele dove è coordinatrice di un gruppo artistico che conta  40 giovani  di cultura ebrea, araba, drusa. Con loro gira il mondo per diffondere la cultura della pace, attraverso l’arte, la musica e il teatro. In Trentino il gruppo ha partecipato alla rassegna Officina Medio Oriente.

G. T.