Cina: tifoso muore per sfinimento da Europei

Malati per il calcio – Il campionato europeo lascia incollati ai teleschermi tutti i tifosi e la tachicardia, quando l’idolo di turno deve battere un rigore o quando l’arbitro sta per dare il fischio finale, si fa sempre più forte e massacrante. È quello che è successo ad un tifoso cinese, il 26enne Jiang Xiaoshan, morto per ‘overdose di calcio’.

Morto giovane cinese in overdose da calcio – Il giovane 26enne di Changsha, nella provincia dell’Hunan, grande tifoso di calcio, non voleva perdersi nemmeno un secondo degli Europei 2012; per questo si era messo davanti alla tv per seguire ogni partita, tutte le dirette, tutti i goal. 1.890 minuti di calcio notturni hanno provocato il crollo del giovane Jiang, che, come riportano i media asiatici, è morto a causa di un “mix micidiale di fumo, alcool e una passione smisurata per il calcio”.

Il caso di Jiang non è un caso isolato – Per seguire tutte le dirette delle varie partite del Campionato Europeo che si sta svolgendo in Polonia e in Ucraina, il giovane cinese non ha dormito per ben 11 notti di seguito. A causa del fuso orario, infatti, le partite dell’Europeo vengono trasmesse in Cina durante la notte e le prime luci dell’alba. I medici di Changsha hanno spiegato che “la perdurante assenza di sonno, il costante consumo di alcool e il fumo hanno contribuito ad indebolire drasticamente il sistema immunitario del ragazzo, che è morto martedì scorso”. Purtroppo, quello di Jiang non è un caso isolato: già nel corso dei Mondiali di due anni fa in Sud Africa e di quelli di Germania 2006 furono numerosi i tifosi cinesi e asiatici colpiti da malori perché seguivano in diretta le partite della competizione passando lunghe notti insonni.

Maria Rosa Tamborrino