Roma: tre arresti per la morte del benzinaio

Il benzinaio era stato ucciso il 9 agosto 2011 nel corso di una rapina nella sua stazione di servizio di Cerveteri, in provincia di Roma, oggi i carabinieri hanno effettuato gli arresti delle tre persone coinvolte. Mario Cuomo stava prestando servizio nel distributore che gestiva insieme al figlio e al fratello, il giorno del suo 62imo compleanno, quando i rapinatori hanno fatto irruzione nella stazione di servizio.

I due uomini si erano fermati con la moto accanto al gabbiotto della stazione di servizio, erano scesi, tenendo entrambi in testa il casco integrale, e, pistole alla mano, avevano intimato a Mario Cuomo e al fratello Giancarlo di consegnargli l’incasso della giornata. I due fratelli volevano reagire alla rapina ma i due malviventi avevano reagito sparando a sangue freddo davanti agli occhi del figlio di Mario Cuomo, che non ha potuto far niente per evitare la morte del padre.

Mario era morto sul colpo mentre il fratello Giancarlo, ferito gravemente, era entrato in coma nel quale si trova ancora oggi. Dopo mesi di indagini questa mattina i carabinieri hanno arrestato due pregiudicati romani, autori della rapina e dell’omicidio, e un terzo complice di Cerveteri accusato di aver loro fornito le indicazioni logistiche necessarie a compiere il colpo.

Marta Lock