Il produttore di Bourne Legacy spera in un ritorno di Matt Damon

Ipotesi sui possibili sequel – Deve ancora arrivare nelle sale, ma si inizia già a parlare di un possibile sequel del film Bourne Legacy.
Protagonista del film, a differenza dei primi capitoli della saga di Bourne, è l’attore Jeremy Renner che, dopo Hurt Locker e The Avengers, è diventato rapidamente uno dei nomi più apprezzati nel mondo di Hollywood.
Renner in Bourne Legacy interpreta il personaggio di Aaron Cross, senza quindi aver sostituito Matt Damon in quello di Jason Bourne.
Dopo le prime immagini del trailer, su Empire è apparsa la notizia che questa scelta potrebbe essere stata voluta appositamente per permettere un ritorno di Damon negli eventuali prossimi capitoli cinematografici.

Un ritorno di Matt Damon? – L’interprete di Jason Bourne aveva infatti deciso di abbandonare il ruolo, anche a causa del cambio alla regia, affidata non più a Paul Greengrass. Solo qualche mese fa, inoltre, l’attore era stato protagonista di una vivace disputa a distanza con lo sceneggiatore Tony Gilroy accusato a dicembre di aver realizzato un pessimo lavoro nel dare vita alle nuove avventure di Bourne solo per ottenere i soldi pattuiti. Alle dichiarazioni erano seguite le scuse ufficiali, ma la situazione con la Universal sembrava piuttosto tesa.
Frank Marshall, produttore di Bourne Legacy, sembra invece sperare in un ritorno di Damon accanto proprio a Jeremy Renner, evento possibile grazie ad una sceneggiatura parallela rispetto a quanto visto nei film precedenti: “tutte le possibilità restano aperte. Il mio sogno è che in uno dei prossimi film possiamo vedere Matt e Jeremy collaborare insieme“, ha dichiarato ad Empire.

Beatrice Pagan