Vertice Ue, la siddisfazione di Monti sullo scudo anti-spread. Volano le Borse

Il vertice e i protagonisti – E’ stata una dura trattativa al vertice Ue a Bruxelles, ma alla fine l’accordo è stato raggiunto su due temi importanti, la crescita e lo scudo anti-spread, quest’ultimo quasi imposto da Mario Monti.
E non nasconde la soddisfazione il premier Italiano, forse uno dei protagonisti del vertice, sicuramente il più atteso: “Il processo è stato duro, il risultato buono. L’Italia è soddisfatta. E’ stato un giorno difficile perché, pur riconoscendo l’importanza del pacchetto crescita, l’Italia e poi la Spagna hanno messo una loro riserva d’attesa alla sigla dell’intesa. Per noi andava approvato tutto un pacchetto unitario con le misure di stabilizzazione a breve da decidere a 17. C’è stata tensione e una lunga discussione, ma alla fine si è raggiunto l’accordo“.
Alcuni giornali hanno dato per sconfitta la Merkel, la cui linea economica si è dovuta adattarsi all’asse Roma – Parigi.

Il fondo salva stati – Nessuna decisione fin ora su un possibile aumento del fondo salva stati, ha spiegato il premier che ha precisato poi che dopo la decisione di affidare all’Esm l’obiettivo di tenere sotto controllo lo spread dei paesi, diventa anche importante il fattore psicologico: “C’è uno sblocco mentale“.

Lo sprint delle Borse –
I mercati hanno accolto con euforia il raggiungimento dell’accordo. Volano le Borse di tutta Europa, la migliore Piazza Affari che registra addirittura un +6,6%. Madrid invece ha registrato un +4,7% , mentre Parigi +4,24%  e Francoforte è arrivata a +4%.
Mentre le Borse volano, calano anche gli spread, quello Italiano scende a 418 punti, dopo aver raggiunto 406 punti.
L’accordo raggiunto nella notte è solo un primo passo, altre decisione dovranno essere ancora affrontate. Ma l’apertura della Germania è stata sicuramente accolta positivamente dai mercati.

Matteo Oliviero