Buenos Aires: aperta scuola per trans

In Argentina nasce una scuola per trans – È stata aperta in Argentina una scuola completamente dedicata ai trans. Il Paese, primo tra gli altri latini, che ha riconosciuto il matrimonio tra gay e che permette di cambiare nome e sesso sui documenti solo grazie ad una semplice procedura amministrativa e senza troppi problemi, si è sempre distinto per essere avanti rispetto a molti altri Stati che, almeno sulla carta, sarebbero più acculturati e ricchi.

Una scuola per avere pari diritti che accoglie tutti – “L’idea non è costruire un nuovo ghetto, ma offrire pari opportunità. A tutti piacerebbe che la scuola secondaria fosse inclusiva e accogliente per tutti e che non ci fosse bisogno di creare una struttura rivolta specificamente a persone trans o travestiti. Ma sappiamo che non è così”. Questa è la spiegazione che David Caceres Bergonzi, docente di matematica, ha fornito in un’intervista rilasciato su Linkiesta, giornale argentino, riguardo alla nascita di questa particolare scuola superiore per adulti a Buenos Aires.

La scuola – David Caceres Bergonzi non manca di dare alcune informazioni circa la scuola e i suoi metodi di insegnamento: “Non ci riferiamo a loro come alumnos e alumnas. Usiamo un termine generale e neutro: lxs alumnxs”. Le materie oggetto di studio sono molteplici e variegate: vi si studia letteratura, storia, geografia, matematica, lingua, ma si toccano anche temi inerenti alla loro vita, come il sistema ormonale, l’ermafroditismo, la storia del movimento trans e i diritti umani. La scuola “è intitolata a un’attivista per i diritti dei trans, uccisa dalla polizia, che era analfabeta. Ci siamo chiesti quali risultati avrebbe potuto raggiungere se avesse ricevuto un’educazione. Anche se il nostro progetto è indipendente dall’approvazione della legge sull’identità di genere, lavoriamo per darle contenuti, per far sì che i diritti siano reali e non solo sulla carta”.

Maria Rosa Tamborrino