Casillas uomo d’onore: Arbitro, rispetto per l’Italia

Ci sono degli uomini, che prima ancora di essere giocatori, professionisti, eroi sul campo, sono realmente Uomini, con la U maiuscola. Iker Casillas è certamente uno di questi. Oltre ad essere uno dei migliori portieri attualmente in attività e degli ultimi vent’anni, sul 4-0 di una finale europea dominata in lungo e in largo dalle sue Furie Rosse, il portierone dell’Armata invincibile ha richiamato l’attenzione dell’arbitro per dirgli di porre fine ad una partita ormai decisa da tempo. “Ref, Ref, Respecto por el rival, Respecto por l’Italia, 4-0 ya”. Rispetto per l’Italia. L’arbitro, l’ottimo Proenca, capisce immediatamente che ha ragione e fischia seduta stante la fine. Casillas va e gli stringe la mano.

Articoloni sull’onore, il rispetto, la cavalleria, il fair play e chi più ne ha più ne metta sarebbero anche piuttosto facili da scrivere. Di parole da usare ce ne sarebbero infatti davvero tante e tutte rigorosamente bellissime. Ma, il video dello splendido gesto del “muro” spagnolo basta e avanza, le parole migliori da mostrare infatti, sono quelle che raccontano un’immagine spesso troppo nascosta del calcio, oscurata da un professionismo necessariamente rutilante. A riportare il tutto ad una dimensione straordinariamente umana, il portiere neo campione d’Europa e del Mondo, Iker Casillas.

A.S.