Iraq: attentati in serie contro gli sciiti

Iraq, attentato sciiti – Karbala e Diwaniya sono le due città interessate dall’ultima ondata di violenza contro gli sciiti. In tutto si contano circa cinquanta morti, in maggioranza pellegrini sciiti, e un centinaio di feriti. L’episodio più grave ha avuto luogo a Diwaniya, dove l’attentato è stato portato a termine con un camion-bomba. Gli sciiti erano intenti a festeggiare l’anniversario della nascita del loro dodicesimo Imam, il Mahdi, che ritengono nascosto e di cui attendono il ritorno. In questo attentato sono rimaste uccise almeno 40 persone e 70 feriti. Il camion-bomba è stato fatto esplodere in un mercato affollato al centro della città.

Altro sanguinoso attentato – Un secondo episodio di cieca violenza contro gli sciiti si è verificato invece nei pressi di Kerbala, più precisamente a Fariha, una località a tre chilometri a est di Kerbala. Due esplosioni, una di seguito all’altra, sono state udite in un affollato mercato di frutta e verdura: anche in questo caso, pesante il bilancio dell’attentato con dieci morti accertati e circa 30 feriti. “La prima esplosione è avvenuta qui. La gente correva per mettersi in salvo verso questo punto. Quando sono arrivati, è scoppiata la seconda bomba“, dice un testimone. L’ultima ondata di attacchi a sfondo religioso era stata portata a termine il 20 giugno scorso e si era verificata a Babuqa.

R. A.