International Board, sì alla tecnologia per i gol fantasma

Gol fantasma, via libera alla tecnologia – Sarà una svolta epocale: l’International Board della Fifa (l’organo preposto a valutare i cambiamenti di regolamento nel mondo del calcio) ha detto sì alla tecnologia per i gol fantasma. Dopo una riunione di 3 ore in quel di Zurigo, è arrivata la risposta che, si spera, possa risolvere l’annoso problema dei gol – non gol nel mondo del calcio. Si opterà per quello che nel tennis viene chiamato “Occhio di Falco”, un replay istantaneo con ricostruzione tridimensionale che darà l’assoluta certezza del superamento o meno della linea di porta. Sarà un sistema basato su un riconoscimento ottico, grazie alle 6 telecamere poste in ogni porta. Altra soluzione è il “Goal Ref”, che utilizza un microchip nel pallone e i campi magnetici. L’esperimento per entrambi i sistemi verrà effettuato nel prossimo Mondiale per Club e, se l’esito risulterà positivo, verrà riproposto alla Confederations Cup 2013 e al Mondiale 2014.

Sì definitivo agli arbitri di porta – Gli arbitri di porta, intanto, diventeranno una routine: non più le classiche terne ma delle cinquine arbitrali, con i due giudici posti dietro la porta che daranno una mano sia sui gol fantasma sia sulle azioni dubbie che si svolgono in area di rigore. Resta invariato, invece, il ruolo del quarto uomo.

Edoardo Cozza