Home Tempi Postmoderni

Orendo il lemure di stoffa che ha fatto il giro del mondo

CONDIVIDI

Orendo è un lemure di stoffa con gli occhi arancioni. Una pupazzo di peluche come tanti, anzi piuttosto brutto al punto da meritarsi questo nome in dialetto romano. C’è però una cosa che distingue Orendo da tutti gli altri: ha viaggiato moltissimo e le sue tournée sono tutte state fotografate. Acquistato in un negozio di giocattoli a Praga nel 2007, Orendo ha poi toccato varie capitali europee, da Parigi a Madrid, per poi attraversare gli Stati Uniti. Abbiamo deciso di parlare di questa bizzarra storia con Silvia Colaneri e Roberto Ilardi, giornalisti romani e ”genitori adottivi” di Orendo, che da ormai cinque anni si portano dietro questo piccolo primate.

1) Buongiorno Silvia, dopo aver visto le numerose pagine di fotografie dedicate ad Orendo, viene spontaneo chiederti perché ti sei dedicata con tale e tanta passione a questo peluche: Orendo sembra molto più di un hobby o una passione da ragazza troppa cresciuta. Cosa ti spinge  ogni volta a mettere Orendo in borsa o in valigia prima di uscire?

Hai detto bene: sono una ragazza troppo cresciuta. Orendo è nato come un gioco e le prime foto sono state scattate esattamente come farebbe una bambina con una bambola. Magari “da grande” ti vergogni un po’ di queste cose, ma io credo che la maggior parte delle persone conservi una parte di sè infantile dove tutto è possibile: anche che una scimmia di pezza prenda vita e inizi a comportarsi come una persona. Del resto è molto facile  affezionarsi ad Orendo e cominciare a credere che abbia una vera personalità. In ogni foto infatti le sue espressioni sono sempre diverse e i suoi occhi arancioni sembrano illuminarsi. Qualcuno può dire che sia solo una ‘questione di prospettiva’ o di flash, ma io preferisco pensare che sia Orendo a mettersi in posa. Non mancano poi gli amici che ti seguono in queste ipotesi e a quel punto non puoi fare a meno di continuare a fantasticare, senza più alcuna vergogna.

2) A giudicare dalla fotografie sembra che voi abbiate una vera passione nel far interagire Orendo con animali veri. Quali sono state le reazioni più strane che gli animali hanno dimostrato nei confronti di Orendo?

Adoriamo gli animali ed è stato naturale per noi farli incontrare con Orendo. Non sono poi così diversi da noi uomini: c’è infatti chi ha reagito con simpatia, chi con indifferenza, chi con terrore e chi con vero e proprio odio. In un viaggio in Austria una scimmietta in un Wildpark gli ha preso la mano (come potete vedere nella fotogallery), mentre una papera in California ha comininciato a beccare contro il vetro della nostra macchina quando l’ha visto. Ma la reazione assolutamente più divertente è stata quella di alcune scimmiette al Bioparco di Roma che, sentendosi minacciate,  hanno iniziato a lanciare dei sassi contro il  povero Orendo.

3) C’è una sorta di orgoglio Silvia quando mostri le tue fotografie, come se non mostrassi le foto di un peluche, ma quelle di un figlio. Speri anche tu che da qualche parte una Fata Turchina trasformi Orendo in una scimmia vera? Non trovi poi che Orendo abbia qualcosa in comune con il nano de Il favoloso Mondo di Amelie?

Visto che hai citato questo film posso rispondere anche alla prima domanda con una immagine di quel film. C’è una scena in cui  Amelie va a dormire e la lampada a forma di maiale le spegne la luce. Ecco queste cose nella mia mente accadono di frequente, quindi non ho alcun bisogno che una Fata trasformi Orendo in una scimmia vera. La fantasia di chi lo guarda funziona sicuramente meglio. Orendo e il nano di Amelie hanno in comune il fatto di avere delle foto in giro per il mondo e forse entrambi in qualche modo riescono a “risvegliare” in chi li guarda qualcosa che era assopito. Nel film il padre di Amelie dopo la morte della moglie era depresso e non usciva più di casa; dopo aver ricevuto le foto del nano in giro per il mondo però decide di partire anche lui. Orendo non credo abbia ancora ispirato qualcuno a cambiare vita, ma di certo aiuta a guardare le cose della vita in maniera diversa, più gioiosa. Una volta che hai Orendo in mano è praticamente impossibile non iniziare a viaggiare con la fantasia.

4) Quali sono le prossime mete di viaggio in cui porterete il vostro lemure? Potete anticiparci qualche idea per nuovi set in cui sarà protagonista?

Ancora mete precise non ne abbiamo. Quanto a nuovi set, dopo aver partecipato alla conferenza stampa di Tim Burton alla Cinemateca di Parigi ed aver sfiorato la possibilità di essere immortalato con il grande regista, Orendo spera ora di fare  foto con qualche personaggio famoso. Comunque chiunque voglia farsi fotografare con Orendo è sempre il benvenuto.

Trovate le fotografie citate nell’articolo nella fotogallery in basso a sinistra.  Altre foto e video di Orendo sono invece sulla sua pagina ufficiale  http://www.facebook.com/pages/Orendo/117619514915975

Mario Pagano