Calcioscommesse: annullata la penalizzazione al Pescara


Calcioscommesse – Il Pescara partirà regolarmente da 0 punti nel prossimo campionato di Serie A. La Corte di giustizia federale ha annullato i due punti di penalizzazione inflitti al club abruzzese nella sentenza di primo grado. La sanzione è ridotta a una semplice ammenda di 30 mila euro. Il Pescara era stato tirato in ballo nello scandalo calcioscommesse per via del calciatore Gianluca Nicco. I fatti contestati si riferiscono alla gara Piacenza-Pescara del 9 aprile 2011. Anche per Nicco è arrivata la riduzione di pena: da 3 anni in primo grado a solo un anno, al quale si aggiunge un’ammenda – anche in questo caso – di 30 mila euro.

Sconti per tutti – Anche per un altro club di Serie A e due di B sono arrivate le riduzioni di pena. La Corte di giustizia federale ha accolto parzialmente i ricorsi presentati e ha ridotto da 4 a 3 i punti di penalità per Siena, Novara e Reggina. Ai piemontesi è stata anche cancellata l’ammenda di 35 mila euro inflitta dalla Commissione disciplinare. Altre riduzioni di pena riguardano l’Albinoleffe, retrocesso sul campo in Lega Pro, che partirà da -9 anziché -15, e il Monza che avrà 4 punti di penalizzazione invece di 5. Come accaduto in altri scandali – vedi Calciopoli e primo troncone calcio scommesse – le sentenze di secondo grado risultano ben più miti rispetto a quelle di primo grado. Nelle prossime settimane, potrebbero arrivare le prime sentenze riguardanti alcuni “big”.

Miro Santoro