USA: Barney Frank, 72 anni, il primo senatore gay a sposarsi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:27

Senatore gay Usa sposa il suo compagno –  Ieri sera è convolato a nozze il senatore democratico Barney Frank. La notizia è rimbalzata su tutti i giornali, americani e non, perché Barney è il primo membro del Congresso Usa a convolare a nozze con una persona dello stesso sesso. Il senatore, infatti, ha finalmente pronunciando il fatidico ‘Sì’, sposando il suo compagno storico, Jim Ready.

Senatore democratico del Congresso da oltre 30 anni – Barney Frank, senatore democratico di 72 anni, entrato nel Congresso nel lontano 1981, aveva già fatto coming out alla fine degli anni ’80. Da molti anni era legato sentimentalmente all’imprenditore 42enne Jim Ready, e ieri i due, finalmente, sono convolati a nozze. Le nozze sono state celebrate alla periferia di Boston dal governatore del Massachusetts Deval Patrick davanti a 300 persone, tra familiari e amici degli sposi. Tra gli invitati c’erano anche il senatore John Kerry e l’ex speaker della Camera Nancy Pelosi.

Il matrimonio come atto politico – La decisione di sposarsi proprio in questo momento è stata presa da Frank. Il deputato, infatti, voleva sposare il suo compagno prima di andare in pensione, proprio perché voleva che il suo fosse un atto che avesse una risonanza a livello politico. Barney Frank da oltre tre decenni ha l’incarico di rappresentare il quarto distretto del Congresso nel Massachusetts e, dal canto suo, si è sempre battuto per i diritti degli omosessuali.

Ad ognuno il suo – È quasi pleonastico aggiungere: ad ognuno il suo. In America è stato votato ed eletto un presidente nero, un segretario di Stato donna, e un deputato del Congresso omosessuale che si è appena sposato con il suo compagno. Qui in Italia invece, l’omofobia cresce a dismisura; esempi di attacchi omofobi sono all’ordine del giorno. Spesso, a provocare l’odio nei confronti degli omosessuali sono proprio coloro che ci dovrebbero rappresentare, in Italia e nel Mondo. Bell’esempio! Noi abbiamo un sottosegretario di governo, parlamentare della Repubblica, Carlo Giovanardi, che si ‘schifa’ guardando due omosessuali che si baciano o che, notizia dell’ultima ora, vorrebbe rinchiudere i militari omosessuali in camere separate. In Italia abbiamo, in particolare, un partito, che fino a poco tempo fa deteneva la maggioranza al governo, ovvero la Lega, i cui esponenti sparano a zero contro gli stranieri e contro gli omosessuali. Come non ricordare il consigliere regionale veneto Santino Bozza che “quando vedo i gay mi viene da sputare a terra”, o, peggio ancora il leghista Luca Dordolo che sulla sua pagina Facebook aveva scritto: “Maledetto, inquinare così il nostro sacro fiume. Cosa direbbero se andassimo a fare lo stesso nel Gange?” per commentare il fatto di cronaca avvenuto in Emilia dove un indiano aveva ucciso la moglie incinta e gettato il suo corpo nel fiume Po. Perfino gli scout dell’Agesci si pongono come obiettivo quello di curare l’omosessualità come una deviazione grave. Insomma, ancora una volta è giusto dire: ad ognuno il suo.

Maria Rosa Tamborrino

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!