Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica

La retromarcia di Squinzi: Il governo sta facendo bene

CONDIVIDI

Il “rimbrotto” del Professore deve aver sortito il suo effetto se, a distanza di 24 ore, il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, ha sentito il bisogno di “correggere” le sue dichiarazioni. “Le mie frasi sono state distorte“, ha detto oggi il numero uno degli industriali, che ha di fatto sconfessato la “macelleria sociale” scomodata sabato scorso a proposito delle possibili conseguenze della spending review.

Frasi distorte – “Le polemiche non me le aspettavo, soprattutto perché sono basate su frasi decontestualizzate dal discorso generale il cui senso era diverso”. Così il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, intercettato oggi dai cronisti a Lucca, è tornato indietro sui giudizi ingenerosi rivolti sabato scorso al governo tecnico. “Le mie frasi su Monti sono state distorte – ha ribadito il capo degli industriali – Stiamo apprezzando quello che sta facendo il governo, anche se c’è ancora tanto da fare“.

La direzione giusta – Una retromarcia arrivata dopo la piccata reazione di ieri di Mario Monti che – visibilmente infastidito dalla “bocciatura” confindustriale – aveva invitato il presidente a rilasciare più caute dichiarazioni. Detto fatto: “Mi spiace perché siamo stati i primi a sostenere di fare la spending reviewha continuato nella sua rettifica Squinzi – e perché quanto proposto dal governo va nella direzione giusta“Monti e questo governo, come ho già detto diverse volte – ha aggiunto il leader di Confindustria – ci hanno ridato quella credibilità internazionale che negli ultimi tempi non avevamo più”. 

Spread della discordia – Ma sul finale, il successore della Marcegaglia non ha rinunciato a lasciare aperto uno spiraglio alla polemica“Non sono le mie dichiarazioni che fanno scendere o salire lo spreadha detto facendo esplicito riferimento a quanto sostenuto ieri da Monti – purtroppo sono le condizioni dei mercati e i nodi del paese”.

Maria Saporito