Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca Terremoto: scossa di magnitudo 3.5 a Roma

Terremoto: scossa di magnitudo 3.5 a Roma

Questo pomeriggio intorno alle 17 e 15 è stata registrata una scossa di terremoto di magnitudo 3.5 della scala Richter a Roma, con epicentro sui monti Cornicolani-Aniene. Il sisma è stato avvertito in tutta la capitale e persino nella zona dei Castelli Romani a causa dell’ipocentro molto superficiale, appena 10 chilometri di profondità. Normalmente infatti quando il terremoto ha luogo a grandi profondità l’onda di propagazione che permette agli abitanti di avvertire il movimento della terra è molto attutita.

Numerosissime le chiamate al centralino dei vigili del fuoco, più che altro per avere notizie più precise al riguardo, soprattutto dagli abitanti della zona sud della città, Monteporzio, Catone e Velletri, dove il sisma è stato avvertito in modo più evidente. Al momento non si registrano danni a persone o cose.

Anche in questo caso il tam tam relativo al terremoto è stato diffuso via Twitter, mezzo attraverso il quale molti cittadini hanno postato le proprie impressioni pochi secondi dopo la scossa. Tutti però sono sembrati d’accordo sul descrivere la scossa come un fenomeno di lieve entità: «Il palazzo ha ballato per tre secondi», scrive infatti Daniele, «Io l’ho sentita a Roma Est», twitta un altro utente, mentre uno annuncia di averla sentita in zona Trastevere. «Una piccola scossa», sottolinea Sandro.

L’epicentro indicato dai dati dell’Ingv sarebbe stato individuato a circa 10 km di profondità. La zona Monti Cornicolani-Aniene è un “distretto sismico”. I monti si trovano a Nord-Est di Roma mentre l’Aniene è un fiume che nasce al confine tra Abruzzo e Lazio e attraversa parte di quest’ultima Regione. La scossa sarebbe durata poco più di 10 secondi, ma non avrebbe creato alcun danno significativo, escludendo una comprensibile paura. Tuttavia l’Ingv ha spiegato che a seguito di ulteriori analisi, i primi dati diffusi potrebbero variare, anche se non in modo sostanziale.

 

Marta Lock