Cercano di far passare un neonato sotto i raggi X dei controlli aeroportuali: arrestati

Bambino sotto raggi X – E’ successo nell’aereoporto di Sharjah, capitale dell’omonimo emirato arabo sulla costa del Golfo Persico. Una coppia di egiziani aveva nascosto il proprio figlioletto di pochi mesi dentro un borsone per farlo passare sotto lo scanner a raggi X dei controlli aeroportuali. Quando gli addetti al check-in si sono accorti del bambino non volevano credere ai loro occhi: hanno chiamato immediatamente la polizia e i genitori del neonato sono stati arrestati.

Per eludere i controlli – Le autorità competenti degli  Emirati Arabi Uniti hanno indagato sulle motivazioni di tale atto inumano. I due egiziani hanno spiegato l’accaduto affermando di aver fatto questo assurdo tentativo per far passare i controlli al neonato che non aveva i documenti per l’imbarco. La coppia era atterrata allo scalo internazionale di Sharjah ma erano stati respinti perché non avevano la documentazione necessaria per il bambino.

 Macchina pericolosa – Fortunatamente l’imbroglio è stato tempestivamente scoperto dalle guardie. Se non fosse stato così il macchinario a raggi X avrebbe provocato chissà quali danni al neonato. Un portavoce della polizia ha raccontato che “i due hanno messo a rischio la vita del bambino. Quando i funzionari doganali hanno visto il bambino all’interno del sacco sono rimasti sotto shock. La macchina a raggi X è pericolosa per chiunque, figuriamoci per un bambino in una valigia”.

 Michela Santini