Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Belfast: ancora rivalità tra cattolici e protestanti, 9 agenti feriti

CONDIVIDI

Belfast: scontri tra protestanti e cattolici, 9 agenti feriti – Clima teso a Belfast, dove alcuni manifestanti hanno esploso una decina di colpi di arma da fuoco contro la polizia. All’origine degli scontri la mai sopita rivalità tra cattolici e protestanti, acuita dalla tradizionale marcia orangista organizzata ogni anno, il 12 luglio, dalla componente protestante per commemorare la battaglia del Boyne del 1690, in cui il protestante Guglielmo d’Orange sconfisse il cattolico Giacomo II. La città è stata messa a ferro e fuoco e almeno nove agenti sono rimasti feriti nei corso dei violenti scontri, mentre due persone sono state arrestate.

Gli scontri – Dozzine di giovani hanno lanciato mattoni e molotov contro la polizia in assetto anti-sommossa, che ha risposto con cannoni ad acqua e proiettili di gomma. Secondo quanto riferito da una portavoce delle forze dell’ordine, contro gli agenti è stata anche scagliata un’automobile in fiamme. A scatenare i disordini è stata la decisione presa da alcuni partecipanti alla marcia di sfilare nel quartiere cattolico di Ardoyne. La parata era molto più piccola di quelle susseguitesi negli ultimi anni, poiché le autorità avevano imposto che si svolgesse prima delle quattro del pomeriggio, orario incompatibile con gli impegni di lavoro di molti. Le circa 500 marce orangiste in diverse città del nord Irlanda si sono, comunque, svolte per la maggior parte in maniera pacifica, salvo alcune eccezioni. Oltre a Belfast scontri si sono registrati anche a Londonderry, dove giovani cattolici hanno lanciato molotov contro la polizia. Disordini anche a Craigavon, con un bus sequestrato e dato alle fiamme.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram