Monte Bianco: morti due alpinisti

Due alpinisti, un ragazzo spagnolo di 25 anni e una polacca di 30, sono morti durante la scalata a una delle vette del Monte Bianco. I due facevano parte di un gruppo di 4 persone partite dal rifugio del Gouter e che si apprestava a percorrere l’itinerario che conduce alla capanna Vallot, vicina alla vetta. Durante la scalata, iniziata il mattino di ieri, sono stati sorpresi da una bufera quando si trovavano a 4mila metri di quota.

A quel punto due dei quattro ragazzi, seppur esausti e infreddoliti, sono riusciti a raggiungere il rifugio dal quale erano partiti, per dare l’allarme, e gli uomini del Soccorso Alpino della Val d’Aosta, quello della Guardia di Finanza di Entreves e gli uomini della Gendarmerie di Chamonix sono subito accorsi sul luogo indicato nel tentativo di salvare i ragazzi intrappolati sulla cima. Dopo le 20 sono stati recuperati i corpi dello spagnolo e della polacca, morti per il freddo.

Gli altri due componenti della cordata sono stati soccorsi e sono feriti, a causa del principio di assideramento, ma non sono in pericolo di vita. Non più tardi di due giorni fa sul versante francese del Monte Bianco erano morte 9 persone a causa di una slavina che le ha travolte mentre si apprestavano a scalare la vetta da un’altra via, quella che dal rifugio des Cosmiques sale sulle pareti del Mont Maudit.

Marta Lock