Effetto domino, Moody’s taglia anche banche ed enti locali

Ancora tagli a cascata – Mooody’s si scaglia ancora contro l’Italia e, dopo il downgrade del rating sovrano del 13 giugno scorso, l’agenzia di rating Usa taglia la propria valutazione su 23 enti locali, fra cui 14 Regioni e quattro città capoluogo, su Poste Italiane, Eni, Terna, Acea, tre istituzioni finanziarie e 10 banche, fra le quali Unicredit e Intesa Sanpaolo. La riduzione del rating del nostro Paese “indica che il governo potrebbe non essere in grado di fornire supporto finanziario alle banche in difficoltà, fa sapere Moody’s in una nota, anticipando che una revisione al rialzo della valutazione delle banche è “improbabile nel breve periodo. Comunque pressioni al rialzo sul rating potrebbero svilupparsi se le banche miglioreranno in modo sostanziale il loro profilo di credito e la loro resistenza”.

I tagli – Il rating è stato tagliato di un gradino per 7 istituzioni e di due per le 6 istituzioni finanziarie restanti. Unicredit è stata declassata a Baa2 da A3 con prospettive negative, ma anche Intesa Sanpaolo, Banca Imi, Banca Monte Parma, Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza. Fra le istituzioni finanziarie, Moody’s ha rivisto al ribasso a Baa2 il rating di GE Capital, Cassa Depositi e Prestiti e Ismea. Tagli anche per Terna, Acea, Poste Italiane ed Eni. Il rating di Snam è invece stato messo sotto osservazione per un eventuale downgrade successivo, così come quello di Finmeccanica. Tagli anche per gli enti locali, in linea con quelli dell’Italia. Il rating della Lombardia è stato ridotto a Baa1 da A2, con Milano declassata a Baa2 da A3. Il rating del Lazio è stato tagliato a Baa3 da Baa2. Napoli è stata tagliata a Ba1. Giù le Regioni Lombardia, Lazio, Sicilia, Piemonte, Veneto, Puglia, Calabria, Campania, Liguria, Umbria, Sardegna, Abruzzo, Molise, Basilicata, 4 città capoluogo di Provincia (Milano, Napoli, Venezia e Siena), oltre alle due Province autonome di Trento e Bolzano.