Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica

Pdl: La Russa corteggia la Lega

CONDIVIDI

Con l’intesa sulla legge elettorale sempre più in alto mare, il coordinatore del Pdl, Ignazio La Russa, sembra orientato a ripristinare antichi equilibri. Come quello instaurato un tempo con il Carroccio, al quale l’ex ministro della Difesa sembra rivolgere un vero e proprio invito a “riprovarci”.

Antiche intese – “Se la sinistra ponesse veti, allora non ci sarebbe nulla di antidemocratico nel formare una maggioranza sulle riforme tra noi e chi ci sta, Lega per prima o compresa”. Il coordinatore del Pdl, Ignazio La Russa, non ha fatto mistero della montante insofferenza per i “paletti” posti dal partito di Pier Luigi Bersani alla modifica della legge elettorale e, incalzato dai giornalisti, ha aperto alla possibilità di ricementare l’accordo con i padani.

La soluzione in Parlamento – “Il testo sarà presentato al Senato per dire che i lavori cominciano – ha aggiunto La Russa riferendosi alla riforma che dovrebbe mandare in soffitta il Porcellum – Noi seguiamo le indicazioni di Napolitano. Poi, come vuole la democrazia, si cercherà l’intesa con il Parlamento“.

Meglio votare? – E volgendo lo sguardo indietro, ai giorni drammatici di novembre in cui Silvio Berlusconi fu costretto a rassegnare le dimissioni: “Ci dissero che le elezioni sarebbero state una iattura per l’Italia – ha osservato piccato l’ex An – ma non mi pare che oggi la situazione sia migliore e qualcuno mi deve dire perché è migliore adesso la tesi che l’Italia vada a votare. Non mi metterei a piangere – ha puntualizzato La Russa – ma vorrei far vedere l’incoerenza di chi sostiene soluzioni diverse nella medesima condizione di partenza”.

Maria Saporito