Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

Botticelle: animalista aggredita dopo segnalazione a vigili

CONDIVIDI

Un’attivista del Pae, il Partito animalista europeo, è stata costretta a fuggire dopo aver segnalato ai vigili un’irregolarità su una botticella.  Sul caratteristico mezzo, ormai da anni preso di mira dai difensori dei diritti animali, pare stessero viaggiando in sei, contro un massimo di quattro previsto dai regolamento comunali. La segnalazione dell’irregolarità ai vigili di zona ha portato gli agenti a fermare la carrozza, ma “soltanto dopo una perseverante insistenza, ravvisando un’omissione d’atti d’ufficio qualora non fossero intervenuti”, scrive il Pae in una nota.  I turisti trasportati, che in tutto avevano pagato 600 euro, hanno chiesto la restituzione della somma. A quel punto è nata una discussione molto accessa, culminata con l’arrivo di altri vetturini, a quanto pare chiamati dal conducente bloccato.

L’animalista sarebbe poi stata costretta a fuggire, inseguita da alcuni  “botticellari”. Nella fuga si è anche procurata delle lesioni a causa di una caduta. L’episodio, avvenuto ieri mattina nei pressi di via dei Fori Imperiali,  con tutta probabilità finirà in tribunale. Il Pae ha infatti annunciato di aver incaricato i suoi avvocati di inoltrare denuncia per “maltrattamento di animali” e “aggressione”. Anche il Campidoglio si è interessato del caso, spiegando che, nel caso venisse “accertata la responsabilità del vetturino, saremo inflessibili e agiremo con la massima severità secondo le disposizioni vigenti”.

Il caso della botticella troppo carica arriva due giorni dopo quello del cavallo stramazzato al suolo per il troppo caldo, che già aveva scatenato una miriade di polemiche. Da tempo gli animalisti chiedono la sostituzione delle carrozze a traino di equini che, pur tradizionali e caratteristiche, giudicano ormai come retrograde e superate, con mezzi di natura ben più contemporanea, possibilmente elettrici, o comunque ad inquinamento zero, evitando però lo sfruttamento animale. Intanto a breve arriveranno le “ronde private, al fine di garantire la tutela delle persone e degli animali”.

A.S.