Siria: 40 agenti morti in attacchi a due commissariati

Siria, 40 agenti morti – Continua in Siria l’ondata di violenza inarrestabile che sta fiaccando il paese. Centinaia di morti al giorno, specialmente ad Aleppo e nei suoi dintorni, molti dei quali civili, sono il tristissimo bollettino che quotidianamente ci troviamo a riportare. Notizia di oggi è il duplice attacco a due commissariati di polizia da parte dei ribelli: “Centinaia di ribelli hanno assaltato le stazioni di polizia di Salhin e Bab al-Nayrab e almeno 40 agenti sono rimasti uccisi negli scontri, che sono andati avanti per ore“, ha riferito Rami Abdel Rahman, direttore dell’Osservatorio siriano per i diritti umani.

Media e comunicazione – La tv Al Jazeera conferma che gli insorti controllano ormai gran parte di Aleppo, importante snodo commerciale siriano: si parla secondo le stime dei principali media locali del 60% della città. L’offensiva del regime, che si serve anche di elicotteri, carri armati, si sta stringendo su molti quartieri. Gli oltre 200mila profughi registrati sono la prova delle difficile situazione che si sta vivendo ad Aleppo e in Siria in generale. La situazione rischia di diventare più calda e difficile con il passare delle ore: un ruolo importante sarà giocato dalla Francia che ad agosto presiederà il Consiglio di sicurezza dell’Onu e ha già annunciato di voler porre la questione siriana al centro delle proprie attenzioni.

R. A.