Inter, Stramaccioni: “Con l’Hajduk vogliamo vincere”

Inter, Stramaccioni – Vigilia del terzo turno preliminare di Europa League per l’Inter targata Stramaccioni, che si trova ad affrontare l’Hajduk Spalato. Nerazzurri ancora imballati dai carichi di lavoro e con un’identità non del tutto costruita, ma il tecnico è fiducioso: “Noi arriviamo a questa gara con neanche un mese di lavoro e probabilmente per una squadra italiana non è mai facile giocare il 2 di agosto come abitudine, ma pensiamo lo stesso di poter fare bene. All’Europa League teniamo fortemente e vogliamo arrivare in fondo“. Un match in uno stadio che vedrà solo i colori di casa: “Abbiamo cercato di preparare al meglio questa partita, abbiamo grande rispetto per l’Hajduk che in queste gare iniziali ha dimostrato di crescere giorno dopo giorno. Abbiamo preparato la gara secondo quello che oggi è l’Hajduk, che gioca in uno stadio che dà grande vantaggio alla squadra di casa perché è molto caldo“.

Studio – Stramaccioni non manca poi di sottolineare come lui ed i suoi si siano preparati osservando gli avversari di domani, con un occhio speciale per Vukovic: “Lui lo conosco bene, quando ero nel settore giovanile della Roma lo consideravamo un giovane molto interessante. Credo sia uno dei più pericolosi, insieme ai due centrocampisti e al difensore centrale, senza dimenticare il portiere, è una squadra che sta crescendo, per loro è un vantaggio aver già giocato quattro gare ufficiali“. Parole condivisibili, ma il divario tecnico fra le due squadre appare tale che, anche con differenti condizioni atletica, un’uscita anticipata sarebbe comunque un fallimento.

Alberto Ducci