Londra 2012, Pellegrini solo quinta nei 200: “Non ne avevo più”

Londra 2012 – Un buco nell’acqua. Prima l’eliminazione con la staffetta, poi il tonfo nei 400. Ieri sera è arrivata la terza delusione, decisamente la più cocente: Federica Pellegrini non è andata oltre il quinto posto nei 200 metri stile libero. La gara è stata vinta da Allison Schmitt, che ha centrato il record olimpico con il tempo di 1’53″81, davanti alla francese Camille Muffat (1’55″58) e all’australiana Bronte Barratt (1’55″81). Per Federica, che non perdeva una gara dei 200 da quattro anni, l’amarezza è doppia: “Sinceramente, pensavo di nuotare in un tempo più veloce“. In effetti, l’atleta azzurra è stata più lenta che in semifinale: “Ho dato il massimo, ma non ne avevo proprio più“.

Appuntamento a Rio – Come aveva annunciato dopo la sconfitta nei 400 metri, la Pellegrini si fermerà per un po’. La regina, però, non ha alcuna voglia di abdicare: “A Rio, alla prossima Olimpiade, ci sarò: per fortuna non è il prossimo anno…“. Il tecnico Rossetto era sicuro che Federica avrebbe potuto centrare una medaglia: “No, altrimenti l’avrei fatto“, replica, decisa, la nuotatrice azzurra. La stanchezza si è fatta sentire, forse la preparazione non è stata perfetta: “Io ci credo sempre, ma in questi Giochi non stiamo brillando. Non siamo arrivati preparati, ha fatto bene a segnalarlo Magnini“. Federica, comunque, non ha rimpianti: “Ho dato tutto, rifarei le stesse cose che ho fatto quest’anno: ho fatto tutto il possibile“. Purtroppo non è bastato.

Pier Francesco Caracciolo