Stoccolma: quando il calore umano genera energia

Stoccolma – Stoccolma è una delle città leader per quanto riguarda la sostenibilità ambientale. Già nel 2011 si è distinta fra le capitali europee per le iniziative ecologiche e per le invenzioni realizzate al fine di risparmiare sull’energia. La Bbc ha ora diffuso la notizia che Stoccolma ha trovato un nuovo modo per produrre energia attraverso il calore umano. L’iniziativa proviene dalla società immobiliare svedese Jernhusen, che è la proprietaria dell’edificio della stazione centrale dei treni e di un palazzo uffici attiguo.

I calore della stazione – La Jernhusen ha investito su un sistema innovativo che gli permette di risparmiare sul riscaldamento: è riuscita ad implementare un sistema che recupera e sfritta il calore prodotto dalle migliaia di persone che transitano all’interno della Stazione. Tale calore viene raccolto, trasformato in energia e infine veicolato nel secondo edificio proprietà della società. Dal momento che i viaggiatori sono in media 250 mila al giorno il risparmio non è da sottovalutare. Queste persone infatti, camminando, lavorando, mangiando , respirando abbassano i prezzi dell’energia del 25%. Questo perché il calore delle persone genera vapore acqueo il quale salendo verso l’altro, arriva fino ad uno strumento che scambia il calore in un liquido più freddo e si scalda, in base al principio della termodinamica.

Energia pulita – Tale processo è ben noto: come molte delle invenzioni per la realizzazione di impianti energetici rinnovabili i principi sfruttati sono quelli della fisica che conosciamo da molti anni. In questo caso l’energia, sottoforma di calore, passa dallo stato di vapore acqueo emesso dalle persone in un fluido che diventa la fonte di riscaldamento per i dipendenti che lavorano nell’edificio accanto. Non solo questo sistema permette di risparmiare ma anche il valore economico dell’edificio aumenta grazie all’efficienza energetica a basso costo che garantisce questa invenzione. Tale invenzione dimostra nuovamente come sia importante cercare di sfruttare la natura e le conoscenze scientifiche di nostra padronanza per creare sistemi che permettono di risparmiare sui costi dell’energia e di inquinare meno l’ambiente.

Michela Santini