Londra 2012, Paltrinieri in finale nei 1500 sl: “E non ho forzato”

Londra 2012 – Una piccola luce nel buio del nuoto azzurro. Gregorio Paltrinieri, 18 anni ancora da compiere, si è qualificato per la finale dei 1500 metri stile libero vincendo la propria batteria in 14’50″11, quarto tempo assoluto delle semifinali. “E non ho forzato“, dirà alla fine l’atleta di Carpi, campione europeo in carica, che ha chiuso davanti al britannico Daniel Fogg (secondo a più di 6” di distacco) e al polacco Mateusz Sawrymowicz. Il miglior tempo assoluto è stato quello del cinese Sun Yang, che nell’altra batteria ha fermato il cronometro a 14’43″25: alle sue spalle il canadese Cochrane con 14’48″31 e il tunisino Oussama Mellouli con 14’46″23. Niente da fare, per Gabriele Detti, soltanto 13° con il suo 15’06”22.

Fuori Gabriele Detti – A fine batteria, Paltrinieri non ha nascosto la propria soddisfazione per un traguardo importante: “Ho pensato a divertirmi e a nuotare. Ho spinto nei primi metri per andare avanti, poi agli 800 ho visto di avere un bel vantaggio e non ho forzato. Domani vedremo: sono contento, alla fine ho anche risparmiato qualche energia. Credo di poter abbassare il tempo di oggi, andare sotto i 14’45” sarebbe un sogno“. Nonostante i suoi 17 anni, Gregorio dimostra una certa maturità: “Sono giovane, devo migliorare molto, soprattutto nelle virate e in altre cose su ritmo e frequenza“. Le recenti polemiche che hanno colpito il nuoto azzurro non lo riguardano: “Io cerco di non pensarci, non mi interessa il pensiero degli altri: ho fatto la mia gara, gareggio per me e oggi pensavo solo a qualificarmi“.

Pier Francesco Caracciolo