Londra 2012, Atletica: l’ovazione per la Attar, prima saudita in pista

Londra 2012, Atletica. Alcuni giorni fa era toccato alla connazionale Shaherkani vincere ogni tabù, per difendere i colori dell’Arabia Saudita in una gara olimpica femminile. Oggi è entrata anche lei nella storia dello sport del proprio paese, disputando una gara d’Atletica in mezzo alle colleghe ed al commosso pubblico di Londra, che le ha tributato tanti applausi. Forse anche molti di più rispetto a quelli resi a Bolt domenica scorsa, dopo la straordinaria vittoria conquistata dal giamaicano nella finale dei 100m. Stiamo parlando di Sarah Attar, la prima saudita in pista alle Olimpiadi, che ha gareggiato nelle batterie degli 800m.

Ha chiuso con 40” di ritardo – La Attar è entrata nella storia disputando l’ultima batteria degli 800m. L’atleta saudita è stata applaudita sia all’inizio che alla fine della sua performance, che ha corso indossando una speciale tuta verde, che le copriva tutto il corpo. In testa invece aveva una sorta di velo bianco. La Attar non è riuscita a qualificarsi al turno successivo degli 800m, anche perché ha chiuso con oltre 40” di ritardo dalla vincitrice della sua gara eliminatoria. Però ha portato a casa un successo per lei e le connazionali saudite, che vale più di qualsiasi medaglia olimpica.

Simone Lo Iacono