Emergenza incendi: in fiamme mezza penisola

Gli incendi che si stanno propagando per mezza penisola, da Nord a Sud, stanno assumendo sempre di più il carattere di una vera e propria emergenza. Nella giornata odierna i roghi più preoccupanti sono divampati in Puglia, precisamente ad Anzano, dove sono al lavoro gli elicotteri fire boss per spegnere un incendio scoppiato ieri sera nei boschi intorno al paese. Completamente spento nelle prime ore della mattina, l’altro incendio boschivo divampato in località Manganera, in provincia di Foggia.

Fiamme anche nei boschi della Liguria, a Varese ligure, Val di Vara, nello spezzino e a Coreglia Ligure, in val Fontanabuona, in provincia di Genova, tutti prontamente spenti grazie all’intervento dei vigili del fuoco. Anche a Roma, a Monte Mario, a nord della capitale, è divampato un vasto incendio le cui fiamme però sono state domate e tenute sotto controllo dagli uomini della protezione civile per le prossime ore, al fine di scongiurare il pericolo di ripresa di qualche focolaio.

Oltre alla siccità, dovuta ai 5 anticicloni di origine africana che si sono susseguiti nelle settimane passate, che, sommata alla distrazione umana, accentua il rischio di propagazione delle fiamme, la flora nazionale deve fare i conti anche con l’irresponsabilità dei piromani: dopo l’arresto dell’uomo di Tivoli, oggi è stata la volta del 35enne Alessandro Olto, di Pordenone, che sarebbe stato sorpreso subito dopo aver appiccato il fuoco alla vegetazione secca nei pressi del muro di cinta di una ex caserma militare. L’uomo avrebbe persino tentato di fuggire, ma sarebbe stato bloccato e trovato in possesso di vari fogli di giornale e di un accendino utilizzati per accendere le fiamme. Il vicequestore aggiunto della Forestale, Marco Pezzotta, sottolinea che dall’inizio dell’anno sono stati arrestati 7 piromani in flagranza di reato, quasi tutti condannati, dopo il difficile recupero delle prove, sia che gli incendi provocati siano stati di natura dolosa, quindi per distrazione o irresponsabilità, o colposa, con la manifesta intenzione di provocare il divampare delle fiamme.

Marta Lock