Calcioscommesse, le sentenze: 10 mesi a Conte. Assolti Pepe e Bonucci

Calcioscommesse, le sentenze. Sono appena arrivate le sentenze della Commissione Disciplinare, chiamata a giudicare sullo scandalo Calcioscommesse, che ha visto impegnate le Procure di Bari e Cremona, assieme a quella della Giustizia Sportiva di Palazzi. Sentenze che hanno portato alla squalifica di 10 mesi per Antonio Conte, l’attuale allenatore della Juventus, e di 8 mesi per il suo vice Alessio. Il presidente del Grosseto Camilli e l’ex-patron del Lecce Semeraro sono stati squalificati per 5 anni. Grosseto e Lecce sono state retrocesse in Lega Pro, il Novara è stato penalizzato (-2), mentre il Bologna ha ricevuto soltanto un’ammenda. Prosciolta l’Udinese.

Prosciolto anche Di Vaio – Anche tra i calciatori sono fioccati diversi proscioglimenti. Pepe, Bonucci, Di Vaio, Salvatore Masiello, Padelli, Vives, Di Vaio e Portanova sono stati assolti dalla Disciplinare. Anche Belmonte è stato prosciolto dai fatti di Udinese-Bari, una delle gare finite nel mirino degli investigatori federali, ma deve scontare sempre una squalifica di 6 mesi legata alla gara Cesena-Bari. Adesso le difese aspetteranno le motivazioni di queste sentenze, per andare in appello, sperando così in un lieve sconto sulla pena. Attenderà le motivazioni della Disciplinare anche Palazzi, per scoprire i motivi che hanno sconfessato gran parte delle sue accuse.

Simone Lo Iacono