La sfida di Crocetta: “I sondaggi mi favoriscono, vincerò le elezioni in Sicilia”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:28

Rosario Crocetta, elezioni Sicilia – Provocazioni o dichiarazioni di facciata? In ogni caso la sfida è lanciata da Rosario Crocetta, eurodeputato e candidato di Dc e Udc per le prossime elezioni in Sicilia di ottobre. Dopo il “fallimento” del clan di Lombardo, sarà lui il nuovo che avanza? A sentir lui ci sono pochi dubbi, i sondaggi gli arridono e inneggia ad una “rivoluzione” politica basata sulla dignità del popolo siciliano: “Tutti i sondaggi mi danno per favorito, vincero’ le elezioni in Sicilia. E assicuro che i mafiosi con me non verranno mai, anzi nei primi cento giorni cambiero’ le regole sugli appalti premiando le imprese antimafia e interverro’ sulla burocrazia dove si annidano mafia e corruzione“, afferma il candidato.

Una Sicilia diversa – “Non ho aziende da difendere“, continua Crocetta, che poi prosegue con una provocazione bella e buona: “per trovare uno più a sinistra di me dovrebbero candidare Curcio“. Crocetta sembra avere le idee chiare per il suo programma politico e incontrando i giornalisti nella sede del Pd a Palermo precisa citando Berlinguer: “In una fase difficile della storia del nostro Paese ci fu un uomo che lancio’ il compromesso storico con una Dc che all’epoca era ignobile. Oggi abbiamo bisogno di un grande patto civico per il lavoro, contro ogni forma di illegalita’ per affrontare una situazione complicata per la Sicilia. L’Udc ha realizzato una svolta, la scelta di non candidare indagati e’ un fatto epocale“.

R. A.