New York: minaccia gli agenti con un coltello e viene ucciso

New York, spinello – Un tragico episodio è avvenuto a New York, a Times Square. Un uomo di colore che fumava uno spinello è stato circondato da una dozzina di poliziotti. L’uomo pare abbia estratto un coltello e, a questo punto, gli agenti hanno aperto il fuoco uccidendolo. Sono diverse le versioni che circolano in rete su questo fatto: c’è chi ritiene che i poliziotti abbiano aperto il fuoco una volta minacciati dal coltello dell’uomo, e chi invece ritiene che si sia trattata di un’esecuzione bella e buona. La vittima infatti era stato circondato ed arretrava forse spaventato dall’avanzare degli agenti, poi sembra che abbia reagito alla pressione della Polizia.

Uccisione o difesa? – Fonti dicono che l’uomo, un afroamericano intento a fumare della marijuana, abbia estratto il coltello per poi darsi alla fuga tra le auto e il traffico di Times Square. Gli agenti l’hanno inseguito per alcuni metri, provato a fermarlo con lo spray al peperoncino, ma l’uomo ha continuato a brandire la sua arma contro gli agenti. A quel punto i poliziotti hanno aperto il fuoco colpendo la vittima al petto. Per lui non c’è stato nulla da fare, è morto in pochi minuti. Piergiorgio Oddifreddi, su Repubblica.it parla di un’esecuzione pubblica: “un’impietosa esecuzione sommaria a sangue freddo da parte di una dozzina di poliziotti-sceriffo“. In uno dei video girati dai passanti si vede “un nero disarmato e isolato, che indietreggia (…) Reato degno dell’esecuzione immediata, come lo sciacallaggio in guerra: l’aver fumato uno spinello!

R. A.