Italia, Prandelli: “I giovani devono dimostrarmi molto”

Italia, Prandelli – Alla vigilia dell’amichevole di Berna contro l’Inghilterra, il ct azzurro, Cesare Prandelli, fa il punto della situazione in conferenza stampa, partendo dall’unico dubbio di formazione: “L’unico dubbio riguarda Balzaretti, non al meglio, l’alternativa è Peluso. Verratti? Giocherà sicuramente uno spezzone di gara“. Tanti giovani quindi che dovranno dimostrare di meritarsi la maglia della Nazionale: “La maglia della Nazionale è affascinante, ma pesante. Questi ragazzi dovranno dimostrare di saperla indossare sin da subito. Voglio capire se sono già pronti in chiave qualificazioni mondiali, da settembre. Se 2-3 si dimostreranno già pronti contro un test probante come quello inglese, allora sarà già un successo“.

Test – Prandelli non nasconde come gli azzurri siano ancora, giustamente, un cantiere aperto in cui si cerca il giusto equilibrio, la giusta alchimia. In questo senso vanno lette le dichiarazioni del Commissario Tecnico riguardo il sistema di gioco scelto: “Non so se il 4-3-3 di domani sera in Svizzera sarà applicabile anche tra 20 giorni contro la Bulgaria, non è escluso, intanto per adesso è così. E Diamanti, già in Svizzera, può giocare anche da trequartista“. Prove, tentativi e cambiamenti, che non avverranno però tutti in una volta, per non disorientare i giocatori: “Ci saranno, nel gruppo, ma dovranno essere graduali. La nostra squadra soltanto un mese in Polonia e Ucraina ha dimostrato di avere grandi capacità. La finale persa con la Spagna non ha scalfito un grande Europeo“.

Alberto Ducci