Ilva: Ferrante stanzia fondi per risanamento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:40

Il commissario dell’Ilva, Bruno Ferrante, ha dichiarato di aver già impegnato e finanziato 90 milioni di euro, e di essere pronto a impegnarne altri 56, raggiungendo così un totale di 146 milioni che l’Ilva mette a disposizione per gli interventi di bonifica necessari per garantire la salute dei lavoratori e dell’area circostante allo stabilimento e al tempo stesso la tutela dei posti di lavoro. Sempre secondo le sue dichiarazioni, l’azienda avrebbe accolto favorevolmente l’iniziativa del ministro Clini di aprire subito un tavolo per la nuova procedura Aia, confermando l’impegno da parte della società di velocizzare al massimo le procedure.

Durante la conferenza stampa svoltasi oggi a Taranto, Ferrante si è più volte difeso affermando che la legge è stata sempre osservata e rispettata, e che l’azienda si è sempre attenuta alle prescrizioni dell’Aia. Anche in questa occasione la società ha tutta l’intenzione di dimostrare la volontà di risanamento e di messa in sicurezza dello stabilimento.

In occasione del vertice odierno tra i ministri dello Sviluppo Economico Passera e dell’Ambiente Clini, e i rappresentanti della Regione Puglia e delle amministrazioni locali di Taranto, dell’Autorità portuale, di Confindustria e sindacati, la città era stata blindata per ordine del prefetto e era stata vietata qualsiasi manifestazione, anche se un corteo simbolico è comunque riuscito a sfilare durante l’inizio del vertice. Il ministro degli Interni Cancellieri ha fatto sapere di voler vigilare attentamente sulla vicenda, pur essendo certa dei buoni risultati che potranno essere ottenuti grazie alla collaborazione e al dialogo tra le parti.

Marta Lock