Londra 2012, Phelps rischia di perdere le medaglie per uno spot

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:30

Londra 2012 – Le ultime sei medaglie di Michael Phelps sono a rischio. I 4 ori e 2 argenti conquistati nei recenti Giochi di Londra potrebbero essere spazzati via in un attimo: colpa di uno spot e della regola 40, che vietava agli atleti di far pubblicità non olimpiche dal 18 luglio al 15 agosto 2012. Secondo quanto riporta il Mail on Sunday, la campagna pubblicitaria fatta per Louis Vuitton potrebbe costare carissima allo squalo di Baltimora: lo scorso 13 agosto, infatti, alcuni scatti sono apparsi su Twitter e su diversi siti web, violando di un paio di giorni la norma del Cio. Regolamenti alla mano, Phelps rischia di veder svanire i successi di Londra e, di conseguenza, il record assoluto di 22 medaglie olimpiche: sarebbe una vera beffa.

Parla l’agente – A tranquillizzare i tifosi del nuotatore statunitense ha pensato l’agente Peter Carlisle: “Phelps non ha violato la regola numero 40: tutto quello che importa è se l’atleta abbia permesso o meno l’uso di quell’immagine, e non è il caso di Michael. Le immagini non sono state riviste né tanto meno approvate: un atleta non può controllare usi non autorizzati più di quanto un qualunque cittadino non possa garantire che un ladro entri in casa sua“. Allarme rientrato, dunque, almeno a sentire Carlisle: “È impossibile contare sulle dita di tutte le mani delle persone che lavorano nel mio ufficio quanti usi di immagini non autorizzati avvengano nel periodo dei Giochi. Ne scopriamo a dozzine, alcuni abusi provengono da aziende che nemmeno conosciamo“.

Pier Francesco Caracciolo

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!