Versilia: barista picchiato per aver negato alcolici a minorenni

Un barista è stato picchiato con calci e pugni all’esterno del proprio locale, a Lido di Camaiore, in provincia di Lucca, per essersi rifiutato di servire bevande alcoliche a minorenni. Il gruppo di minorenni si era seduto nei tavoli all’esterno del locale e uno di loro era entrato per ordinare un numero consistenze di bevande alcoliche, nonostante il divieto di somministrare alcol ai minori di 18 anni, perciò il titolare, Alessandro Cortopassi di 22 anni, si era rifiutato di servire loro le bevande richieste.

Il gruppo di minorenni è rimasto quindi all’esterno del Casomai Cafè per tutta la serata, alzando i toni e disturbando i clienti presenti, finché Cortopassi non ha deciso di andare all’esterno per farli allontanare dal suo locale. E’ stato a quel punto che il gruppo di piccoli teppisti lo avrebbe spinto, gettato a terra e iniziato a colpire con calci e pugni al viso. Alcuni avventori sarebbero intervenuti per sedare la rissa, mettendo in fuga i minorenni aggressori.

Il 22enne titolare del locale è stato subito trasportato al pronto soccorso, dove, oltre ad avergli riscontrato tumefazioni e ferite, gli sono stati applicati anche dei punti di sutura sopra il sopracciglio sinistro. Le forze dell’ordine hanno interrogato le numerose persone presenti sul luogo, che hanno fornito elementi molto utili per individuare i responsabili del pestaggio, ora ricercati a piede libero.

Marta Lock