Juventus, Pirlo: “Ci attaccano perché vinciamo. Mazzarri? Un perdente”

Juventus, Pirlo – La Juventus è pronta a partire, stasera inizia il campionato. In mezzo al campo, anche quest’anno, ci sarà Andrea Pirlo, uno degli artefici del successo della scorsa stagione. Archiviata la Supercoppa, il regista bresciano non vede l’ora di affrontare il Parma: “Strano ricominciare ancora con loro, in casa. Mi auguro sia di buon auspicio“. Dopo aver vinto uno scudetto inatteso, la Juve torna in Champions League. Gli obiettivi sono sempre gli stessi: “Vogliamo continuare ad affermarci in Italia e provare a farlo in Europa. Saranno tutti lì ad aspettarci, chiaro. D’altronde, quando si vince si dà fastidio. Normale pure ci sia più pressione. Noi sappiamo di essere forti: possiamo migliorare e ripeterci“.

Gli obiettivi non cambiano – Confermarsi in Italia. Pirlo sa già quali sono le avversarie più pericolose: “Napoli, Roma, Milan e Inter: le solite che cercheranno di batterci“. La sorpresa potrebbe essere la Fiorentina: “Può disputare un campionato di avanguardia. Ha preso giocatori tecnici come Borja Valero e poi Montella è super; con e senza Jovetic, giocano bene“. Decisamente più difficile primeggiare in campo europeo: “Vincere la Champions sarebbe il coronamento di un sogno per me, per la società, per i compagni. L’impegno europeo toglie qualcosa dal punto di vista fisico e mentale, è dispendioso anche per i viaggi, per l’alto tasso di adrenalina che richiede. Servono massima concentrazione e una rosa ampia, come la nostra“. Barcellona e Real Madrid restano le favorite, secondo Pirlo: “Sì, le spagnole sono davanti“.

Mercato ottimo – In attesa del famoso top-player, la società bianconera ha fatto un ottimo mercato. A Torino sono arrivati Asamoah, Isla, Giovinco, Lucio: “Si tratta di una campagna acquisti grandissima – assicura Pirlo – . Volevamo aumentare in qualità e quantità e penso ci siamo riusciti nel migliore dei modi. Si tratta di quattro giocatori fortissimi, che ci aiuteranno a crescere. E si sono ben inseriti, anche se non è facile in un solo mese assimilare il lavoro del mister. Con impegno e volontà stanno diventando juventini“. Pirlo è rimasto colpito anche da Pogba: “Impressionante. E’ un ragazzo giovane, di prospettiva. Grande colpo averlo strappato a un club così importante come il Manchester United“.

Zeman? Dice cose strane… – Dopo la Supercoppa, Mazzarri ha attaccato duramente la Juve. Pirlo non si scompone e parte al contrattacco: “Parla da perdente. Quando si perde è normale attaccarsi a tutto, è il calcio: si è contenti se si trionfa, delusi se si perde. Siamo abituati alla bagarre dialettica. La Juve è la squadra più famosa, anche nel mondo, con tantissimi tifosi a favore e tanti contro. Quindi, trattasi di normale accanimento, quando si vince“. Più dolci le parole per Zeman, il ‘grande nemico’ della società bianconera: “E’ un allenatore particolare, che fa discutere. Di più: un grande allenatore. Le sue squadre giocano bene“. Anche se… “Fuori dal campo, ogni tanto, dice qualcosa di strano, ma è parte del suo carattere e ormai lo conosciamo e lo accettiamo“.

P. F. C.