Serie A, Juventus-Parma 2-0: Lichtsteiner e Pirlo firmano la vittoria


Juventus-Parma – La Juventus inizia il cammino nel nuovo campionato così come aveva cominciato lo scorso anno: con una vittoria, sempre sul Parma, stavolta per 2-0, e con il primo gol firmato da Lichtsteiner su assist di Asamoah (migliore in campo). Poi è arrivato il raddoppio di Pirlo su punizione, rete su cui permangono alcuni dubbi con il pallone che sembra non aver varcato interamente la linea di porta. Nel primo tempo, i campioni d’Italia sono apparsi poco brillanti, bloccati da un Parma che si è limitato a difendere e lo ha fatto molto bene. Nella prima frazione, Vidal si è fatto parare un rigore da Mirante. L’estremo difensore dei ducali nulla ha potuto poi sull’uno-due arrivato a inizio ripresa tra il 54’ e il 58’.

Vidal sciupa – Formazioni speculari per i due tecnici. Sia Carrera che Donadoni si affidano al 3-5-2. Nella Juventus c’è Storari al posto dell’infortunato Buffon, mentre a guidare la difesa c’è il giovane Marrone. Solito centrocampo a 5 con Asamoah e Lichtsteiner sulle fasce, in attacco il duo Vucinic-Giovinco. Gli emiliani si affidano invece alla coppia Pabon-Biabiany. La prima mezz’ora scivola via senza grosse emozioni con la Juventus che fa la partita ma non affonda mai i colpi. Al 32’ ecco la prima occasione bianconera: Lichtsteiner scatta in netto fuorigioco, entra in area e Mirante lo atterra: è rigore, ma il gioco andava fermato prima per l’off-side dello svizzero. Sul dischetto va Vidal: la conclusione del cileno è troppo molle e Mirante para. Poi nei minuti finali, Vucinic prova un tiro-cross che per poco non sorprende il portiere gialloblù.

Uno-due Juventus – Al rientro dagli spogliatoi, entra un’altra Juventus, più grintosa e affamata, come quella che infiammava il pubblico dello Juventus Stadium nella scorsa stagione. E in pochi minuti i campioni d’Italia realizzano due gol. Il primo lo mette a segno Lichtsteiner al 54’ da due passi servito da Asamoah autore di una grande percussione sulla fascia sinistra. Quattro minuti più tardi, punizione di Pirlo parata a terra da Mirante, ma per il giudice di porta Ciampi la palla è entrata. Il replay non chiarisce del tutto l’episodio. La Juventus è padrona del campo e può gestire tranquillamente il risultato. Storari è chiamato solo a un paio di interventi, su Biabiany prima e su Ninis poi nei minuti finali. Sempre nel finale, esce uno spento Giovinco per infortunio: l’ex della partita è costretto a uscire in barella. L’unica nota stonata di una serata di festa.

Miro Santoro