Serie A, Milan-Sampdoria 0-1: zuccata di Costa, rossoneri al tappeto

Milan-Sampdoria 0-1 – Si apre con una sorpresa la domenica di Serie A. Nella partita delle 18, la Sampdoria si impone sul Milan: 0-1 il risultato di San Siro, merito del gol di Costa al 13′ della ripresa. Una vittoria, quella della squadra doriana, che arriva dopo una gara attenta e determinata. In una prima frazione tutto sommato noiosa, i ragazzi di Ferrara chiudono bene tutti gli spazi, limitando al minimo la pericolosità dell’attacco rossonero. Nella ripresa la gara si accende: alla prima palla buona la Samp passa con Costa, imperioso nello stacco di testa con cui batte l’incolpevole Abbiati. Il Milan, con un Pazzini in più, si getta all’attacco sfiorando a più riprese il pareggio: Yepes centra il palo di testa, poi le mischie si susseguono e Boateng colpisce un altro palo. Il ruggito finale però non basta: la squadra di Allegri esordisce con un ko.

Emozioni col contagocce – Allegri parte con El Shaarawy accanto a Boateng e Robinho, Ferrara punta sul tridente formato da Krstic, Estigarribia ed Eder. Il Milan fa la partita, ma la Sampdoria in ripartenza è pericolosissima: Eder sfrutta un’indecisione di Bonera e si presenta davanti ad Abbiati, Bonera recupera e salva. Ancora Samp con Obiang, conclusione alta di poco. La reazione del Milan è sterile, Robinho ci prova da fuori ma Romero blocca. La partita lentamente si spegne, Robinho prova a ravvivarla su calcio piazzato: palla a lato di poco. La Samp è più ordinata, Obiang ruba palla a Montolivo e ci prova di nuovo: palla alle stelle. Nel finale di tempo, Eder prova a pungere due volte: per Abbiati nessun problema.

Pali di Yepes e Boateng – Il Milan che rientra in campo sembra molto più vivace. Merito soprattutto di Robinho, che ci prova dai 20 metri trovando la parata di Romero. La Samp soffre, ma al 58′ trova il vantaggio: corner di Tissone da destra, Costa stacca di testa e fulmina Abbiati. La reazione rossonera è rabbiosa: su azione d’angolo, Yepes di testa colpisce il palo interno (strepitoso Romero). Nell’ultima mezz’ora in campo c’è solo il Milan: sinistro di Costant da posizione favorevole, Romero c’è. Nel 1′ di recupero arriva il secondo legno: Boateng calcia da fuori, Munari devia leggermente e la palla centra il palo. Ancora Boateng pochi secondi dopo, colpo di testa ben parato da Romero. Al 94′ arriva l’ultima palla gol: mischione in area doriana, Flamini calcia a botta sicura ma Gastaldello salva sulla linea.

Pier Francesco Caracciolo