Trova un topo morto aprendo il cartone del latte

Latte, topo morto – Spiacevole episodio quello capitato ad una donna di Ponte delle Alpi. Un odore nauseabondo usciva dal brik di latte acquistato da una signora della provincia di Belluno, che volendo accertarsi che quella confezione di latte non fosse andata a male, ha tagliato la parte superiore del cartone scoprendo il motivo che generava quel cattivo odore. Si trattava di un topo morto che giaceva all’interno della confezione del latte. La signora ha subito chiamato l’azienda produttrice che, invece di scusarsi, ha chiesto che l’acquirente inviasse una foto che dimostrasse l’effettiva presenza del roditore.

Stupore e incredulità – All’udir di tale richiesta la signora non credeva alle sue orecchie: “Ma invece di scusarsi mi hanno chiesto di inviargli una foto per comprovare la presenza del roditore morto nel loro latte. Oltre il danno la beffa: ora non resta che rivolgermi ai carabinieri del Nas“, ha precisato. L’assessore Berger nel frattempo ha precisato che non si trattava di un brik di latte altoatesino: “Le nostre immediate verifiche hanno permesso di accertare che non si tratta di latte altoatesino e che di conseguenza neppure il cartone proviene da una cooperativa altoatesina. Non vogliamo che vengano provocati danni al comparto altoatesino del latte solo perchè in questo caso si è giunti a conclusioni affrettate e superficiali“, ha concluso lo stesso Hans Berger.

Rosario Amico