Russia: i cristiani ortodossi alzano il tiro contro le Pussy Riot

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:31

Russia: i cristiani ortodossi alzano il tiro contro le Pussy Riot – Il caso delle Pussy Riot, il gruppo di dissidenti  condannate a due anni di carcere con l’accusa di teppismo motivato da odio religioso dopo una ‘messa-concerto’ di protesta tenuta nella cattedrale di Mosca, non smette di suscitare clamore assumendo sempre più una connotazione religiosa, oltre che politica. Un gruppo di cristiani ortodossi, definiti dal New York Times “i giovani guerrieri della cultura” e armato di mattoni, ha fatto irruzione due giorni fa presso il Museo “Erotic Art”, minacciando il direttore e il personale. A darne notizia è lo stesso direttore Alexander Donskoi: “I cristiani ortodossi hanno appena attaccato il museo. Avevano dei mattoni. Il nostro amministratore è fuggito terrorizzato, temendo per il peggio. Le forze dell’ordine devono fare chiarezza sull’accaduto”. Il direttore ha ben chiaro anche il motivo del raid: “Il nostro appoggio alle Pussy Riot” ha spiegato Donskoi

Dilaga in tutto il mondo la solidarietà alle Pussy Riot – In difesa delle Pussy Riot e contro la giustizia russa e il premier Putin, un centinaio di attivisti dei centri sociali veneziani hanno occupato, questa mattina, il padiglione della Russia nei giardini della Biennale di Venezia. E’, intanto,  disponibile sul web la nuova canzone anti Putin delle Pussy Riot. Il  brano, lo stesso che solo pochi giorni fa è stato postato da alcuni pirati informatici sul sito del tribunale Khamovnichesky di Mosca (il tribunale che ha condannato le Pussy Riot), si chiama ‘Putin accende il fuoco della rivoluzione‘ e contiene versi come “il Paese prende la strada con coraggio, il Paese dice addio al regime”“La lotta continua” si legge in un messaggio a firma di Maria Alyokhina, Nadezhda Tolokonnikova e Yekaterina Samutsevich, le tre componenti della punk band condannate a due anni di lavori forzati per aver cantato e suonato incappucciate una ‘preghiera punk’ dal titolo “Madre di Dio, liberaci da Putin!” nella cattedrale del Cristo Salvatore di Mosca.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!