Paralimpiadi, il primo oro arriva dal nuoto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:00


Paralimpiadi – Alle Olimpiadi, proprio dal nuoto, sono arrivate le delusioni più cocenti. Alle Paralimpiadi, la musica è diversa e le gare in vasca regalano ai colori azzurri la prima medaglia d’oro di questi Giochi. La conquista Cecilia Camellini, una ragazza di 20 anni di Modena, che ha anche fatto segnare il nuovo record del mondo (il precedente era sempre suo) e quello paralimpico nei 100 stile libero classe S11 (non vedenti). Con il tempo di 1’07’’29 ha fatto emozionare l’Acquatics Centre, teatro delle imprese del gigante Michael Phelps, ma anche delle disfatte di Federica Pellegrini e soci. Ci ha pensato questa ragazza emiliana a far risuonare l’inno di Mameli nell’impianto progettato dall’archistar Zaha Hadid.

Altra medaglia nel nuoto – Con quella conquistata dalla Camellini, sono due le medaglie portate a casa dagli atleti azzurri del nuoto alle Paralimpiadi. In precedenza, è arrivato l’inatteso bronzo di Federico Morlacchi nei 100 farfalla nella categoria S9. Il nuotatore lombardo ha chiuso con 1’00’’77 dietro all’ungherese Sors (oro con 59’’54) e l’australiano Cowdrey (argento con 59’’91). In totale sono tre le medaglie finora conquistate dall’Italia alle Paralimpiadi. L’altra è arrivata dall’atletica grazie a Oxana Corso, 17enne romana, che ha vinto l’argento nei 200 metri T35. E a proposito di atletica, stasera c’è l’attesissimo debutto di Oscar Pistorius.

Miro Santoro

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!