Francia: sterminata famiglia inglese. Tra i cadaveri ritrovata una bimba viva

Famiglia britannica sterminata sul lago di Annecy – È un vero e proprio giallo quello che si è palesato agli occhi della gendarmeria francese su lago di Annecy, in Alta Savoia, nell’est della Francia. Una strage che ha visto coinvolta un’intera famiglia di origine britannica, uccisa barbaramente a colpi di pistola nella loro Bmw, mentre facevano ritorno dalla loro vacanza. Padre, madre e nonna sono stati assassinati per motivi ancora sconosciuti alla polizia che è intervenuta sul luogo del delitto; alla strage sono scampate le due figlie, due bambine di quattro e otto anni.

Una strage ancora senza movente – I cadaveri sono stati scoperti mercoledì pomeriggio in una zona boschiva della località di Chevaline, sul lago di Annecy, poco lontano dai confini di Svizzera e Italia. Ancora da scoprire per gli inquirenti tutti i particolari dell’accaduto: la polizia brancola nel buio, non ci sono tracce degli assassini né un movente. “La pista criminale è privilegiata, ma tutte le ipotesi sono da tenere in conto, potrebbe anche trattarsi di una tragedia familiare, non è da escludere a priori. Queste povere vittime sono state uccise in un modo estremamente violento”- ha riferito uno degli inquirenti. Secondo le prime ricostruzioni della polizia francese, appena arrivati sul posto, gli agenti avrebbero constatato la morte di quattro persone, portando in salvo una bambina di otto anni che era riuscita a scappare dall’interno dell’autovettura durante la scarica di pallottole che hanno colpito tutti i membri della sua famiglia. La piccola di otto anni è stata trovata gravemente ferita, ma viva, poco distante dalla Bmw dove hanno trovato la morte i suoi genitori e la nonna. Subito è stata trasportata nel vicino ospedale di Grenoble e non è in pericolo di vita.

La piccola di quattro anni è stato otto ore sotto il cadavere della madre – Solo dopo la mezzanotte, ad otto ore dalla sparatoria, grazie agli esperti della polizia scientifica, è stata ritrovata l’altra bambina, di soli quattro anni: la bimba si trovava rannicchiata sotto i corpi morti della madre e della nonna. “Quando abbiamo avuto accesso alla scena del crimine – ha spiegato il procuratore di Annecy, Eric Maillaudabbiamo trovato una bambina che non avevamo notato perché non si era mossa, forse per il terrore. Era rimasta tutto il tempo immobile sotto i corpi senza vita delle due donne”. Sul posto la polizia ha ritrovato quindici bossoli, provenienti da una pistola automatica.

Maria Rosa Tamborrino