Francia: sterminata famiglia in vacanza

Francia – Killer fa strage di una famiglia francese in villeggiatura presso Chevaline, sulle Alpi francesi. Tre persone sono state uccise dentro un’auto, vittima anche un ciclista in congedo paternità che si trovava a passare casualmente nel luogo dello sterminio. Una bimba, ferita da 3 pallottole, era a pochi metri dalla vettura, mentre un’altra piccola di 4 anni è stata trovata nascosta tra i corpi della nonna e della madre, incolume.

La famiglia sterminata – Il padre si chiamava Al Hilli, 50 anni, era nato a Baghdad e viveva con la famiglia a Claygate, a sud di Londra. Era in vacanza nel campeggio con la famiglia. Nella strage madre, padre e nonna sono stati uccisi, mentre le 2 bambine sono sopravvissute, non per clemenza del killer, ma per puro caso. La più grande, di 8 anni, è stata colpita dai proiettili e ha il cranio fratturato, ma fortunatamente non rischia la vita. La più piccola è rimasta immobile per ore tra i cadaveri della madre e della nonna. La gendarmerie non si è accorta della bimba, e non ha controllato all’interno della vettura perché aveva l’ordine di non toccare nulla. La piccola è stata trovata solo quando sono statai rimossi i corpi delle due donne. «Mi sono nascosta, non sapevo chi fossero i buoni o i cattivi» ha affermato la bambina.

Le indagini – Ancora non sono chiari i contorni della strage. Sul luogo sono arrivati funzionari del consolato britannico e la gendarmeta di Chambery sta indagando per accertarsi dell’identità delle vittime. Il ciclista è stato probabilmente ucciso per aver assistito alla scena. A dare l’allarme un altro ciclista passato subito dopo, ora in stato di choc. In un parcheggio vicino a un bosco nel comune di Chevaline, sono stati ritrovati quindici bossoli provenienti da una pistola automatica. Non si sa ancoranulla sul killer né sui motivi della strage, ma sembrerebbe un’azione pianificata da tempo.

Michela Santini